Come arrotondare alla fine del mese: i metodi più efficaci

0
17

Ci sono diversi modi per arrotatore un po’ alla fine del mese quando i fondi scarseggiano e riuscire a pagare tutti i conti in sospeso.

Partecipare al mercatino dell’antiquariato

Inizia liberando la cantina grazie a sgomberi a Bergamo per trovare qualcosa di valor che possa essere venduto. I prodotti trovati in cantina durante gli sgomberi a Bergamo o simili possono esser venduti al mercatino dell’antiquariato rionale. Di solito, non è nemmeno necessario pagare una quota di iscrizione o partecipazione per poter vendere gli oggetti che non usi più. Ti basta allestire il tuo banchetto, tenendo sempre conto che in queste situazioni la gente tende a chiedere degli sconti. Per tale motivo, tieni il prezzo un po’ più alto e preparati a contrattare e abbassare il prezzo. Farai contento il cliente e riscurai a ottenere comunque il guadagno che avevi in mente.

Inserire annuncio on-line

Gli oggetti che ahi trovato durante la pulizia della cantina o anche del tuo armadio, possono anche esser venduti online. Ci sono moltissimi siti per vendere gli oggetti, spesso gratis per i privati, scatta qualche foto all’oggetto facendo attenzione a usare una buona illuminazione, non caricare tante fotografie poiché ne bastano un paio da diverse angolazioni con una buona luce per far capire di che cosa si tratta.

Attenzione a non fare l’errore di non inserire alcun tipo di descrizione pensando che chi è interessato per maggiori dettagli di contattare. È una tecnica controproducente che non va spiccare il tuo annuncio. Inserisci delle informazioni chiare, complete e anche coincise. Infatti, gli annunci di vendita troppo lunghi sono spesso ignorati.

Svolgere lavoretti nel vicinato

Un altro sistema che puoi sfruttare per arrotondare un po’ alla fine del mese è fare qualche lavoretto nel vicinato, come può esser tagliare il prato e prenderti cura del verde comune invece di chiamare una ditta esterna apposita che fa un prezzo più alto. Portare a spasso i cani oppure tenere i bambini mentre i genitori sono al lavoro può esser un’altra valida idea.