Costruire con il cartongesso: come isolare meglio

0
104

L’uso del cartongesso Roma in campo edile non serve solo per costruire ma si usa moltissimo anche per migliorare l’isolamento, sia dal punto di vista termico ma anche acustico. Vediamo di seguito come ottenere il massimo beneficio in ambo i casi.

Come migliorare l’isolamento termico

Chi desidera avere finalmente un impianto di riscaldamento più efficiente che non spreca dovrebbe preoccuparsi di realizzare un cappotto termico. Si tratta di un intervento molto semplice che consente di realizzare tutto intorno alle pareti perimetrali della casa una seconda parete con il cartongesso Roma. Lo spazio che c’è tra le due parti viene riempito con dei prodotti che impediscano lo scambio termico che è la causa dell’abbassamento della temperatura interna perché la casa non trattiene il calore, fatto che costringe a lasciare accessi i termosifoni più a lungo nel tempo sprecando più gas e spendendo di più per la relativa bolletta. Dopo il capotto termico non ci sono di questi problemi e l’intervento funziona anche per migliorare l’efficienza di un eventuale impianto di aria condizionata che rinfresca la casa in tempi minori e con minori sprechi.

Come migliorare l’isolamento acustico

Il cartongesso Roma non serve solo per trattenere il calore o l’aria fresca ma si usa anche per isolare dei forti rumori. In questo caso, il cartongesso non viene utilizzato lungo le parti ma per insonorizzare un piano con l’atro. Spesso capita che in un appartamento si venga disturbati dai forti rumori che provengono dal paino di sopra come calpestio forte, vociferare e altri rumori molesti che possono disturbare molto soprattutto se il rumore si sente nelle ore notturne quando si vorrebbe riposare in santa pace. Se i materiali utilizzati per costruire l’abitazione non sono adatti a impedire il passaggio delle onde sonore si può intervenire in questo modo senza nemmeno dover spendere grandi somme: si realizza un contro soffitto con il cartongesso e si imbottisce l’intercapedine, un po’ come nel caso precedente, con materiali che impediscano il passaggio delle onde sonore per avere finalmente la tranquillità necessaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here