Porte interne: quali tipi di legno si usano

0
121

Ci sono diversi materiali che si possono utilizzare per la produzione di porte interne ed ecco quali sono i più usati e le loro relative caratteristiche per trovare la soluzione migliore per voi e la vostra casa.

Il larice

Un’altra tipologia di legno che si usa davvero molto è il larice che è molto resistente e duraturo nel tempo, perfetto per gli interni e anche per gli esterni. Il suo colore è molto particolare: l’alburno ha tinte chiare mentre il legno tardivo è più scuro.

Il noce

Un legno perfetto per i vostri ambienti di casa è il noce che è bello da vedere e dura a lungo negli anni. è un legno pregiato che ha una colorazione particolare: un colore di base bruno ma con sfumature e toni quasi grigi che si intensificano lungo le venature irregolari.

Il frassino

Uno dei legnami che si utilizza di più in assoluto è il frassino che si distingue per la sua colorazione chiara. Se siete alla ricerca di porte interne sbiancate, allora scegliete di frassino.

Il rovere

Un legno durevole e molto duro è quello di rovere, un parente della quercia. Ha partitaci sfumature di colore bruno e oro e nel tempo si schiarisce un po’.

L’abete

Il legno di abete ha striature regolari o anche degli anelli. Il suo colore è chiaro, quasi giallo, e dà il suo meglio al naturale, senza finiture. Quando si parla di hemlock è bene sapere che si fa riferimento a una tipologia di abete. È un legno di primissima qualità proveniente da alberi più vecchi. È un abete più pregiato che si differenzia per le venature molto ampie dritte e regolari e l’assenza di nodi. È perfetto per finiture chiare o anche dai toni pastello.

Il castagno

Il legno di castagno è molto bello e pregiato. Lo si usa per pavimento, porte e finestre per un ambiente univoco dallo stile molto curato. Dura a lungo nel tempo e spesso lo ti tinge color noce per dare risalto alle sue sfumature tendenti al bruno.

Per prendere subito un appuntamento, cliccate qui www.porteinterneroma.it